Navigation Menu+

Chiuso per lavori

Posted on 16 Ottobre 2009 in Gaza | 0 comments

Vi racconto una banale disavventura che mi è capitata oggi, per restare in tema di checkpoint, per nulla paragonabile alla vicenda della porta stretta per cui passano i bambini delle comboniane, o alle umiliazioni quotidiane che subiscono i lavoratori palestinesi a Betlemme ogni mattina (vedi il video qui sopra).

Stamattina sono partito per Gaza desideroso ed entusiasta di fare una bella visita di tre giorni ai nostri amici gazawi, dopo le settimane di vacanze e camminate in Europa. Il parroco abouna Jorge mi aveva detto per telefono che oggi era in programma addirittura una gita con i ragazzi della parrocchia! Sabato avrei lavorato ai nostri progetti (scuole e distribuzione di cibo) e domenica messa in parrocchia.

Purtroppo però, arrivato a Erez, ho trovato il checkpoint chiuso per lavori. Desolatamente chiuso. A dire il vero è raro trovare gente che passa oltre agli addetti alla sicurezza. Ho parlato con uno dei direttori, gentile, che mi ha spiegato la situazione dandomi, se volevo, appuntamento a domenica, dispiaciuto che i militari, con i quali avevo parlato telefonicamente giovedì, non mi avessero avvisato della chiusura. Sigh. E’ dispiaciuto anche a me, anche per i soldi del taxi buttati via. Così me ne sono ritornato a casa un po’ arrabbiato. Ma che cosa proveranno allora quelli che sono al di là del muro, imprigionati da anni, che invece di “fare semplici visite”, devono guadagnarsi da vivere?

Tag:

«

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.