Navigation Menu+

Gli esami del primo semestre 2012: un documento interessante

Posted on 28 Gennaio 2012 in Le mie famiglie, Spiccioli di vita in Terra Santa | 1 comment

Sono iniziati da qualche giorno gli esami del primo semestre. Sono otto, come raccontavo qui. Mi tengono inchiodato alla scrivania! Tra quelli più interessanti e appassionanti – se così si può dire di un corso dell’STJ! – metterei quello di storia del francescanesimo (una corsa storica dal 1200 ai giorni nostri dell’ordine francescano e della chiesa) e l’introduzione alla sacra scrittura. Quest’ultimo in particolare mi ha dato un utilissimo sguardo d’insieme al libro della Bibbia che tutti i giorni cerco, come posso nella mia preghiera personale, di ascoltare e approfondire.

Tra le cose da studiare ci sono anche dei lunghi, un po’ noiosi, densi, documenti del magistero. Uno in particolare mi sembra utile segnalare, che non avevo mai letto: Il popolo ebraico e le sue sacre scritture nella Bibbia cristiana (2001). Dà degli spunti di riflessione interessanti per chi legge la Bibbia e si confronta con la storia di ieri (le persecuzioni antisemite, la shoah) e di oggi, specialmente qui in terra santa, dove il conflitto e l’oppressione usano a scopi ideologici le pagine sacre. Accennai anche qui a questa difficoltà. L’introduzione inizia così:

I tempi moderni hanno portato i cristiani a prendere meglio coscienza dei legami fraterni che li uniscono strettamente al popolo ebraico. Nel corso della seconda guerra mondiale (1939-1945), eventi tragici o, più esattamente, crimini abominevoli hanno sottoposto il popolo ebraico a una prova di estrema gravità che ha minacciato la sua stessa esistenza in gran parte dell’Europa. In queste circostanze alcuni cristiani non hanno dato prova di quella resistenza spirituale che ci si sarebbe doverosamente aspettato da discepoli di Cristo e non hanno preso le iniziative corrispondenti. Altri cristiani, invece, hanno prestato generosamente il loro aiuto agli ebrei in pericolo, spesso a rischio della propria stessa vita. In seguito a questa immane tragedia, s’impone per i cristiani la necessità di approfondire la questione dei loro rapporti con il popolo ebraico. 

Un grande sforzo di ricerca e di riflessione è già stato compiuto in questo senso. La Pontificia Commissione Biblica ha ritenuto opportuno dare il suo contributo a questo sforzo, nell’ambito della propria competenza. Questa non permette, evidentemente, alla Commissione di prendere posizione su tutti gli aspetti storici o attuali del problema; essa si limita pertanto al punto di vista dell’esegesi biblica, allo stato attuale della ricerca. La domanda che si pone è la seguente: quali rapporti la Bibbia cristiana stabilisce tra i cristiani e il popolo ebraico?

Io l’ho trovato molto interessante! Il documento completo lo potete leggere qui

Il popolo ebraico e le sue sacre scritture nella Bibbia cristiana (2001)

Altri documenti vaticani di argomento simile:
L’interpretazione della Bibbia nella Chiesa (1993, precedente a quello segnalato sopra al quale esso si collega fortemente).
Verbum Domini (2010 sulla Parola di Dio nella vita e nella missione della Chiesa).

La foto del post è una pagina di un libro che ho comperato su consiglio di Fabrizio: le concordanze dell’antico testamento ebraico. Lo uso per la lectio di questi giorni sui salmi. La cosa sorprendente è che è scritto tutto a mano, 1600 pagine di vocaboli e versetti in ebraico!! Un lavoraccio pazzesco fatto negli anni ’50 da un certo Lisowsky.

Tag:, ,

«

1 Comment

  1. Evvai, Fratello! Continua s studiare, betao te: goditelo anche per noi che ormai c’abbiamo da lavorare e basta… Un abbraccio forte, a presto. Paolo e la banda

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.