Navigation Menu+

I tesori di Gaza, aspettando Francesco

Posted on 18 Maggio 2014 in Gaza | 0 comments

10052014-DSC08633

Grazie ad una interessante conferenza dei ricercatori dell’École Biblique che presentavano i lavori fatti nella striscia negli ultimi anni e i loro studi recenti, abbiamo scoperto molti tesori di Gaza che non abbiamo ancora visitato. Così abbiamo colto l’occasione di un week end nella grande prigione a cielo aperto, il 9-11 maggio 2014, per una visita anche alla chiesa bizantina di Jabaliya.

450 metri quadrati di mosaici stupendi, distribuiti su tre zone: la chiesa, il corridoio centrale e il battistero. Purtroppo l’operazione piombo fuso del 2009 ha danneggiato la copertura del sito archeologico, così ora i mosaici sono coperti di sabbia e solo una piccola parte è visibile, grazie al solerte lavoro degli spalatori. Dicono che sia stata una chiesa che serviva per i pellegrini che venivano in terra santa o dall’Egitto o dal mare.

Molto curiosi i rifacimenti dei mosaici, probabilmente ad opera degli antichi proprietari, colpiti da un editto di iconofobia di matrice islamica nell’ottavo secolo. Nella galleria sotto potete vedere le altre immagini e la lapide con le notizie storiche.

11052014-DSC08783

Nei tre giorni di vacanza presso i nostri amici cristiani di Gaza, abbiamo potuto godere della loro speciale accoglienza. Particolarmente intense la preghiera pomeridiana nel quartiere cristiano, nella cappellina, che fu delle piccole sorelle e che ospita le due icone scritte durante il corso estivo del 2013. Il rosario, la messa e la tazza di caffè con dolcetto!

La nostra lectio ci proponeva in quel giorno la lettera alla chiesa di Filadelfia. Mi è sembrata una profezia di speranza per la chiesa di Gaza:

Ecco, ho aperto davanti a te una porta che nessuno può chiudere.
Per quanto tu abbia poca forza,
hai però custodito la mia parola
e non hai rinnegato il mio nome. 

Ma è da leggere tutto il testo, che ho quasi timore ad incollare qui, tanto è calzante: Apocalisse 3,7-13.

Dell’attesa di papa Francesco ho scritto in un articolo per il sito del patriarcato che incollo qui sotto. Di seguito trovate le foto con didascalie esplicative: angurie, mare, pastori, cartelloni pubblicitari, e Giulia!

album picasa (59 foto)

Response code is 404

 

Anche i cristiani di Gaza vogliono incontrare Francesco.

GAZA – Qualche notizia dalla “periferia” dimenticata della Terra Santa, a pochi giorni dalla visita del Papa. Qual è l’atmosfera e l’attesa di questo avvenimento?

Nelle terre che saranno attraversate da Papa Francesco fervono i preparativi. Vengono organizzati i luoghi di preghiera, le misure di sicurezza, le liste degli invitati, i biglietti dei pochi fortunati che potranno partecipare agli eventi. Si moltiplicano gli articoli, le interviste, le analisi.

A Gaza invece non si percepisce questo fervore. Anche se fa parte a tutti gli effetti della Terra Santa – da qui passò la Sacra Famiglia diretta in Egitto – è una zona a parte. Isolata da tutti a causa dell’assedio ormai pluriennale, è trascurata dai media mondiali e forse un po’ dimenticata anche dal cuore dei cristiani.

È a tutti gli effetti una di quelle periferie tanto amate da Papa Bergoglio, dove i cristiani possono offrire la loro testimonianza in mezzo a tanti fratelli non cristiani e a volte ostili. Così vive la piccola comunità cristiana a Gaza.

Siamo andati a trovarli in questo mese di maggio dedicato alla Madonna. Ogni giorno si danno appuntamento al quartiere cristiano, nella piccola cappella che fu delle piccole sorelle. Insieme si recita il rosario, si celebra la messa e, non meno importante, il diwan, una mezzora di scambio reciproco, chiacchiere, aggiornamenti dalle famiglie, il tutto condito da una tazza di thè e da un dolcetto. Cordialità, accoglienza, ascolto e forza interiore sono visibilmente nel DNA di queste persone.

Qui si parla anche del papa. Padre Jorge e padre Mario – curiosamente portano proprio i nomi di Bergoglio, come hanno orgogliosamente notato fin dal giorno della sua elezione i loro parrocchiani – nelle omelie e nelle catechesi spiegano chi è il discendente di S.Pietro, da dove viene biblicamente il suo ruolo e il suo servizio. Questo è particolarmente opportuno in una comunità che, nella pratica, è composta di ortodossi e latini, senza differenze e che quindi desidera saperne di più su questo vescovo vestito di bianco così importante nel mondo.

La provenienza argentina del parroco e di una delle suore, rende, agli occhi dei parrocchiani, ancora più simpatico e di famiglia Papa Francesco. In febbraio, durante una tappa a Roma, p. Jorge Hernandez ha avuto l’opportunità di celebrare la messa a Santa Marta e di incontrarlo per qualche minuto.

bergoglio-jorgehernandez

Presentandogli la sua piccola e valorosa parrocchia, ha ricevuto grande incoraggiamento e sostegno. La testimonianza cristiana in mezzo ai poveri, alle vittime della guerra, tra i non credenti, il lavoro pastorale assiduo, silenzioso e umile sta molto a cuore al Papa argentino.

I lettori più attenti del sito del patriarcato ricorderanno l’attacco di qualche mese fa alla parrocchia, che suscitò sdegno generale e tanti segni di vicinanza. Pochi giorni dopo quel brutto episodio, grazie alle indagini efficaci della polizia, sono stati arrestati e messi in carcere i responsabili. Padre Jorge, alla fine dell’iter giudiziario, ha pubblicamente perdonato i colpevoli, permettendo così la loro liberazione. Questi, grazie al dialogo che si è aperto con le loro famiglie, da nemici sono ora diventati riconoscenti e debitori. Un piccolo esempio tra i tanti che si potrebbero fare.

I cristiani sperano vivamente di poter uscire da Gaza per partecipare alla messa a Betlemme con Francesco domenica 25 maggio 2014. Sono stati chiesti permessi per 600 persone alle autorità israeliane. Una famiglia è invitata a pranzo con il pontefice. Tanti vorrebbero conoscerlo di persona, stringergli la mano, affidargli le sorti dei propri cari e invitarlo direttamente a Gaza. Tra pochi giorni il sogno si potrebbe realizzare.

Andres Bergamini – Patriarcato latino di Gerusalemme ,14 maggio 2014

Tag:, , , ,

«

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.