Navigation Menu+

Notizie del 16 dicembre 2006 – 104

Posted on 16 Dicembre 2006 in Palestina-Israele | 0 comments

Due giorni fa Il premier Haniye che rientrava dall’Egitto è stato trattenuto in territorio egiziano per quasi otto ore per il rifiuto di Israele di farlo rientrare dal suo viaggio in Medio Oriente, nel corso del quale avrebbe raccolto una somma stimata in 35 milioni di dollari, aggirando l’embargo internazionale contro il governo di Hamas. Haniyeh ha potuto rientrare finalmente a Gaza grazie ad un compromesso che però non gli ha consentito di portare i 35 milioni in patria. Il denaro sarà depositato su un conto intestato alla Lega Araba al Cairo, con la garanzia dell’Egitto che non arriveranno nelle casse del governo di Hamas. Rientrando verso Gaza spari hanno colpito il convoglio del premier presso il valico di Rafah. Negli scontri che sono seguiti una guardia del corpo di Haniyeh è rimasta uccisa e sono rimasti feriti dai colpi d’arma da fuoco cinque persone, fra cui un figlio di Haniyeh ed un consigliere politico del premier. ù

VIDEO Le Monde.fr

Hamas ha accusato la guardia presidenziale dell’Anp, Forza 17, che fornisce il servizio di guardia di frontiera sul versante palestinese del valico di Rafah, di aver aperto il fuoco contro il convoglio in un tentativo di assassinare il premier Haniyeh. Per Hamas il premier palestinese Ismail Haniyeh si è salvato "per miracolo" da un attentato organizzato dal più noto dirigente di al Fatah a Gaza, l’ex capo della sicurezza preventiva Mohammed Dahlan. La guardia presidenziale ha smentito in maniera categorica l’accusa. La notizia che il valico di Rafah era stato chiusa da Israele del passo israeliano aveva subito provocato le reazioni furibonde di alcune migliaia di miliziani di Hamas che avevano fatto irruzione sparando nella stazione di confine senza tuttavia provocare il fuoco di risposta della guardia presidenziale palestinese, responsabile della sicurezza. Il Presidente dell’Autorità palestinese, Abu Mazen, si è detto "dispiaciuto per l’accaduto" ed ha assicurato di seguire la situazione da vicino. Ieri le Forze di sicurezza fedeli al Presidente dell’Autorità palestinese (Ap) hanno aperto il fuoco a Ramallah su una manifestazione di sostenitori di Hamas. Un uomo è morto e numerosi sono i feriti. Per il portavoce del dipartimento di Stato americano, Sean McCormack sarebbe stato il presidente palestinese Abu Mazen a bloccare ieri il premier Ismail Hanyeh mentre tentava di rientrare a Gaza dall’Egitto con 35 milioni di dollari. Da Israele pero’ e’ arrivata un’altra versione ed è stato il ministro della Difesa Amir Peretz a decidere di chiudere il valico di Rafah per impedire al premier palestinese di portare in patria gli aiuti raccolti durante il tour dei paesi arabi.

Tag:

«

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.