Navigation Menu+

partenza dei bimbi e gigantesco melafefon

Posted on 31 Ottobre 2005 in Spiccioli di vita in Terra Santa | 0 comments

Oggi tutta la Palestina festeggia Maria Regina della Palestina. La diocesi ha organizzato una messa importante ma noi non abbiamo voglia di andarci. Vogliamo fare una domenica casalinga. Andiamo a messa dalle suore comboniane qui vicine, alle 7. Ci danno un’ambasceria per le nostre suore non avendo potuto parlare con loro tramite telefono. Suor Giuseppina ci invita ad andare a messa con i bambini al convento delle Benedettine e fermarci con loro per il pranzo. Ma avendo già partecipato alla messa decliniamo.

Io mi fermo nella mattinata un po’ nel loro ufficio per stampare qualche biglietto di auguri natalizi per i benefattori della Maison, sperando di connetermi con il mio PC. Ma il telefono è rotto. La linea non va. Pare che qui sia normale.

I bambini partono per alcuni giorni di vacanza essendo finito il Ramadam. Le suore sono felici di tirare un po’ il fiato. Mi disipiace molto non aver fatto alcune foto perchè la scena meritava: 30 bambini, ognuno con la sua valigia che in fila scendono nel cortile per attraversare a piedi il muro. Suor Marie Noelle guida la comitivia. Di là li aspetta una corriera che li porta tutti a casa. Sono bimbi cristiani palestinesi dei territori occupati quasi tutti ortodossi di Zababde il villaggio di suor Marie Noelle. Vi allego per consolazione la foto del santino di Natale, che ritrae un gruppetto di bambine della nostra casa:

Alla sera di domenica ecco le avvisaglie del virus che si è impadronito del mio stomaco. Nausea e febbre. Con sollievo mi libero del pranzo e in particolare del cetriolone peloso indigesto che mi ronzava nello stomaco per tutto il pomeriggio. Notte di passione e di veglia finchè una tachipirina non mi viene in aiuto.

Lunedì sto tutto il giorno a letto a dormire e a sleggiucchiare qualcosa, cercando di dimenticare il cetriolo. Mi alzo solo per la messa e la salmodia. Ma alla sera sono già tornato quello di prima. Da una telefonata di Raia vengo a sapere che anche Tali, una delle sue figlie, ha avuto la stessa cosa. Meglio così. Non è stata colpa del melafefon (cetriolone) anche se prima di mangiarne un altro aspetterò qualche tempo. In ricordo di questi due meravigliosi e interessanti giorni eccovi il protagonista in due diverse inquadrature:

. .


notate le dimensioni e la buccia pelosa

Tag:, ,

«

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.