Navigation Menu+

Tra i beduini con le suore comboniane

Posted on 24 Dicembre 2014 in Tours | 1 comment

22122014-IMG_0774

Italo ed io, Gisella, siamo venuti in Terra Santa per celebrare il Natale e l’Epifania con Andrea e Lorenzo. Lunedì mattina si è concretizzata per noi una splendida sorpresa. Azezet e Agnese, due suore comboniane che vivono ad Aizarie, in territorio palestinese, si sono rese disponibili per portarci con loro a conoscere una realtà quasi nascosta: i villaggi beduini sulla strada che scende verso Gerico.

Il lavoro di queste sorelle è molto particolare e vario. Tra le loro attività c’è quella di far nascere ed accompagnare asili in questi villaggi. Si occupano della formazione delle insegnanti ed anche della nascita e manutenzione delle tende nelle quali si trovano gli asili. Il tutto viene fatto con grande riservatezza.

I villaggi infatti sono circondati da insediamenti di coloni israeliani che non tollerano una qualsiasi novità che porti aiuto ai beduini per un migliore qualità della vita. I beduini sono i più poveri dei poveri, vivendo di pastorizia e del contributo di quei pochi che riescono a trovare un’occupazione anche molto precaria.

Lasciamo la bella strada asfaltata e ci avviamo con l’automobile guidata con grande perizia da Agnese per strade sterrate fino ad arrivare al primo villaggio.

Qui entriamo nell’asilo dove tre giovani maestre custodiscono e intrattengono una quindicina di piccoli che indossano una camicia a quadretti bianchi e rossi, la loro divisa. Alla struttura in legno del tutto simile alle altre abitazioni, è stato aggiunto un grande telo blu di plastica per impedire alla pioggia di bagnare i tappeti e i giochi dei bimbi. Alle pareti sono appesi disegni e lavoretti dei bambini. Le maestre ci mostrano anche i quaderni con esercizi di prescrittura. Nelle foto potete vedere quello che vi stiamo raccontando.

Risaliti sull’automobile, andiamo nel villaggio successivo, dove siamo accolti con grande cordialità da alcune giovani donne e dal più anziano pastore presente. Ci invitano in un’abitazione per offrirci un buonissimo tè. Ci sediamo per terra. Italo ha qualche difficoltà atletica e subito compare un ragazzino che gli porta una seggiola. La cordialità, i sorrisi, la grande dignità di queste persone e il dialogo serrato con le sorelle comboniane ci fanno capire la fiducia con la quale procede la relazione tra di loro. Queste suore sono delle amiche che accompagnano la vita della comunità beduina con affetto e discrezione, rispettando completamente le scelte e intervenendo con grande delicatezza.

Siamo stati invitati poi a pranzare a casa delle suore dove ci siamo raccontati le nostre vite in uno scambio sereno e amichevole.

Gisella e Italo

album picasa (23 foto)

Response code is 404

Tag:, , , ,

«

1 Comment

  1. Li lasci allontanare un momento e.. te li ritrovi addirittura fra i beduini!! E’ bellissimo sapervi là (a Gerusalemme, ma anche fra i beduini): BUON NATALE MAMMA PAPA’ ANDREA!!

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.