Navigation Menu+

Una porta stretta nel muro di separazione

Posted on 15 Ottobre 2009 in Palestina-Israele | 3 comments

comboniane e bambini

Nelle tre settimane in cui sono stato in Italia sono successe diverse cose importanti qui in Terra Santa. Ci ho messo un po’ a spulciare e a leggere gli articoli accumulati dalla rete. Uno dei più interessanti è il numero 86 di Bocchescucite (leggetelo!) dedicato al famoso rapporto del giudice Richard Goldstone sui crimini di guerra perpetrati a Gaza nell’attacco di gennaio 2009. In questo numero però si parlava anche del checkpoint che abbiamo sotto casa, vicino alle suore comboniane. Armato di telecamera e macchina fotografica sono andato a vedere con i miei occhi cos’è cambiato.

Video su Youtube

A fine settembre l’esercito israeliano ha chiuso il piccolo checkpoint – chiamato bawabe – tra Gerusalemme e Betania, da noi tante volte attraversato anche se ormai funzionava solo per i turisti stranieri diretti alla tomba di Lazzaro. Il tracciato definitivo del muro passa intorno alla casa delle suore comboniane, tenendole nella zona di Gerusalemme.
I circa 50 bambini di Azzarie non possono più frequentare la scuola materna della suore della Nigrizia, molto stimata e apprezzata dalla gente, a meno di non fare un lungo giro verso il Ma’bar Hazeitim o verso Ma’ale Adumim.

Album di picasa

E’ stata la tenacia, la perseveranza, l’abilità diplomatica del nunzio apostolico mons. Antonio Franco, a seguito di lunghe trattative con l’autorità militare, a far si che nel muro venisse lasciata una piccola porta, per permettere il passaggio dei bambini. Viene aperta per loro alle 8 e alle 12. Ha tutta l’aria una concessione temporanea, ma è quanto meno un piccolo risultato che dà qualche speranza: una porta stretta nel muro di separazione, dalla quale possono passare in pochi, solo bambini!

Tag:, ,

«

3 Comments

  1. …mi ricorda la porta stretta del vangelo ciao Stefano

  2. Si! anche a me… con la precisazione che passando attraverso questa porticina non entra nel regno dei cieli (purtroppo!) ma nella città di Gerusalemme sotto il controllo israeliano!

  3. ciao Andrea,abbiamo appena visto il video che hai pubblicato.Noi in quel muro avevamo pregato per la pace con i salmi delle ascensioni.Ci ha molto toccati vedere quelle immagini dove un mese fa c’eravamo anche noi.Continueremo a pregare con più forza per la pace.
    Vi ricordiamo con affetto.Un caro saluto a Lorenzo.

    Il gruppo Samuel

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.