Navigation Menu+

Il premio della pace per gli studenti di Mapanda 2015

Posted on 21 Aprile 2015 in Le mie famiglie | 1 comment

02042015-DSC08378

Siamo già alla quinta edizione di questo progetto, partito nel 2011 per fornire borse di studio agli studenti della scuola secondaria di Mapanda (Tanzania), finanziato dalla comunità cristiana maronita della Galilea. È un progetto forse unico al mondo, perché sono i cristiani della Terra Santa che aiutano e sostengono in prima persona, invece di essere aiutati!

Due anni fa avevo accompagnato tre ragazze arabe, promotrici del progetto, a Mapanda per vistare la scuola (vedi post). Questa volta è toccato a me consegnare il premio e portare il saluto e l’incoraggiamento a questi giovani africani da parte loro.

Il premio

Ogni studente premiato riceve un bonus di 20.000 shellini tanzani (10 euro), sufficienti per pagare la tassa annuale della scuola, 20.000 shellini in contanti per le spese (uniforme, scarpe, coperta, sapone, ecc.), e 4 quaderni (per un totale di circa 30-35 euro a studente, all’anno).

Gli studenti meritevoli vengono scelti secondo la situazione familiare, la condizione lavorativa dei genitori e del reddito scolastico. Dalle scuole primarie di provenienza (sono sette in tutto, Mapanda e villaggi vicini) vengono segnalati dagli insegnati e dai catechisti 35-40 bambini, che frequenteranno la prima superiore. Per classi successive – seconda, terza, quarta – si continuano a premiare gli studenti che già hanno usufruito del premio negli anni precedenti, con qualche aggiunta o cancellazione.

Un po’ di dati

Gli iscritti totali quest’anno a Mapanda sono stati 334, conto i 350 del 2014 e i 450 del 2013. In prima ci sono ben 131 studenti! Uno dei problemi più gravi è l’abbandono scolastico. Tanti studenti lasciano la scuola per i motivi più vari (lavoro, necessità di aiuto in casa, gravidanza, malattia, trasferimento in altri villaggi).

Ogni anno vengono fatti gli esami, a livello nazionale, per la classe seconda e quarta. Chi passa con una buona votazione l’esame di quarta potrà frequentare la quinta e la sesta e poi andare all’università. Questi esami servono anche per fare la classifica delle scuole. Quella di Mapanda è la prima della zona (meglio di Usokami, Kibengu, Ilogombe e un altro villaggio che non ricordo). Su 99 scuole della regione di Iringa è la 55esima!

Nel 2014 ben 14 studenti (!!) hanno superato l’esame per accedere alla quinta. Di questi 12 erano “premiati” da noi! Gli altri 5 premiati della classe quarta sono stati comunque promossi. Tutti i premiati della classe seconda del 2014 hanno superato bene l’esame per andare in terza.

Quest’anno 2015 i premiati sono stati ben 96 (su 334 iscritti), distribuiti sulle quattro classi. Quindi quasi un terzo degli studenti sono aiutati dal premio della pace. Nel 2011 quando siamo partiti erano solo 46. Il budget è quasi raddoppiato.

Secondo i maestri l’aiuto del progetto dei nostri amici arabi della Galilea è stato determinante per raggiungere questi “ottimi” risultati. È fondamentale soprattutto per combattere la piaga dell’abbandono scolastico. Tanto c’è ancora da fare affinché tutti gli studenti riescano a passare gli esami per proseguire la loro formazione e avere così buone chances di costruire un futuro migliore per se e per il paese.

Un grandissimo grazie quindi a Naheela, Abeer, Rasha e a tutti gli amici della comunità cristiana maronita della Galilea!

Le foto qui sotto sono state scattate da Maria Rimondi, che pure ringraziamo.

album  (30 foto)

Response code is 404

La traduzione in inglese dell’articolo (by fornapa)

The 2015 Peace Prize for the Mapanda students

Started on 2011 for providing  education grants  to the  Mapanda secondary school students,  and funded by the Maronite Christian Community of Galilea,  this Peace Prize project is now at its fifth edition.

Such a project is probably a singular event   all over the world  as, in contrary to what normally happens, the holy land Christian Community is here the funder and helper, and not the supported one.

Two years ago  I have been in  Mapanda with three Arabic girls, that were the project promoters, in order to visit the school (see post);  this time it was on me to consign the prizes, and to give the  regards and encouragement  by the project promoters to these young African students

The Prize

Every student receive a 20.000 tanzanian shilling bonus (10 euros), that is sufficient to cover the annual school fee, other 20.000 shilling by cash for the equipment (school attire, shoes, blanket, soap, etc.), and 4 copy-books (for about a total of 30-35 euros per student per year).

The deserving students  selection criteria are based on the family condition, parents working condition, and scholar income.   

From the  seven primary schools of Mapanda and neighbouring villages,  35-40 childrens are selected every year by the teachers and catechists, for attending the first year of the secondary school.

For the next courses – second, third, fourth – financing is kept on the students of the precedent years, apart some new entries or withdrawals.

Some data

This year the students in Mapanda have been 334 (vs 350 in 2014 and 450 in 2013), 131 registered for the first school year.   The school drop-out is one of the major problems:  many students give up the school for various reasons (work, call for help by family, pregnancy, illness, relocation to other villages)

Every year, the second and fourth class students have to pass the exam at national levelGood performers at the fourth year exam are accepted in the fifth and then sixth class, and then go up to University. The outcomes of the exams are used for ranking the schools too: the Mapanda school is the first in its area, (better than Usokami, Kibengu, Ilogombe and another village that I don’t remember the name of).

Out of 99 schools of the region, Iringa ranks at the 55th only!  

A good 14 students have passed the fourth year exam in 2014; out of them, 12 were sponsored by us!!! Other 5 sponsored fourth years students have been promoted anyhow. All the 2014 second class awarded students  have passed the exam for the third year.

The awarded students on 2015 have been 96 (out of 334), spread between four classes. It therefore means that  almost one third of the students has been supported by the Peace Prize. On 2011, when the initiative started, they were only 46. The budget is nearly doubled.

In the teachers opinion,  the help coming from the project of our Arabic Galilean friends has been fundamental  in reaching  these excellent results; above all  it’s crucial in addressing the school drop-out severe problem.   

A big work is still to be done in order to give all the students the chance to pass the exams, and go forward in their education and obtain better opportunities for their own future and for the country.

A very big thanks is therefore due to Naheela, Abeer, Rasha and to all the friends of the Maronite Christian Galilean community!!!

The pictures below have been taken by Maria Rimondi, that we also thank.

Tag:, , , ,

«

1 Comment

  1. We are very glad and honored to have known two of the three girls who helped with perseverance and passion the Mapanda school boys. We learn from them how you can love people so far away from your country, your habits and your style of life.A big thank to Naheela, Abeer, Rasha and their friends.
    Italo and Gisella (Andrea’s parents)

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.