Navigation Menu+

Pellegrinaggio in Galilea – Giobba –

Posted on 17 Agosto 2006 in Spiccioli di vita in Terra Santa | 0 comments

Giovedì 17 agosto 2006
Sfidiamo i missili e, sperando nella tregua, organizziamo un piccolo pellegrinaggio in Galilea. Noleggiamo un pulmino con autista per la modica cifra di 200 dollari. Siamo in dieci, sorelle comprese. Prima tappa la messa dai piccoli fratelli Jesus Caritas di Charles de Fucault. Sono molto accoglienti e scopriamo con piacere che fanno la nostra lectio (ma sono avanti perchè non tagliano alla Nicolini!).

Seconda tappa la Basilica. Ci diamo un’ora per la visita. Un gruppetto resta a pregare (si fa per dire) Andrea e sorelle. La Lella, forte del suo permesso di ingresso gratuito per tutti i musei delle isole greche, conduce Martina alla scoperta dei segreti archeologici del luogo. Peccato che qui non siamo in Grecia. Il museo è chiuso!!

Lorenzo è totalmente assorbito dalle due spugne spirituali Maso e July e fanno un percorso speciale. Io mi occupo di presentare il punto di vista cattolico alla nostra amica mormona. Anche lei è una spugna!

Acquistiamo generi di conforto e in questo modo Maria e Martina rischiano di rimanere a Nazaret visto che non si presentano in orario al parcheggio. Le altre tappe sono infatti: il monte Tabor dove contiamo di arrivare prima della chiusura (ore 12) e Cafarnao.

La temperatura sale paurosamente e i cervelli sono in fuga… Al tabor subiamo lo smacco di trovare il cancello già chiuso prima delle 12. Tentiamo al monastero ordosso. Luminosa idea (non di paperoga!). Sotto un sole cocente ci facciamo 2 Km a piedi e veniamo scacciati da un barbuto monaco alquanto infastidito. Impassibile Masotti la prende con filosofia e si rimette in marcia. Non sono della stessa umiltà le donne del gruppo specialmente le sorelle. Arriviamo comunque in zona pic nic e abbiamo veramente fame. Uva e fichi, i frutti della terra promessa, ci rinfrancano e ci danno la forza di giungere a Cafarnao.

Il sole picchia a picco. Ci trasciniamo tra la sinagoga e la casa di pietro in cerca di zone d’ombra. Ma ci sono 45 gradi… all’ombra. Stessa cosa al primato di Pietro. Tutto è documentato nelle foto. Complessivamente una bellissima giornata.

Alla sera, dopo una frugale cena, io e Andrea andiamo a teatro con gli amici argentini Josè, Gra (senza figlie) e Leo e Shirlee. Invitati da loro assistiamo ad un bellissimo spettacolo di percussionisti chiamati Mayumana. Potete farvi un’idea di chi sono visitando il loro sito.

GALLERIA FOTOGRAFICA

Tag:, , , ,

«

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.